Fermo, Marche, Italia

La Serenissima e il Fermano:
Rapporti commerciali e culturali

La Serenissima e il Fermano:
Rapporti commerciali e culturali

SHARE
, / 774 0

Jacobello del Fiore - Pinacoteca - FermoVenezia con il trascorrere del tempo riuscì a ottenere una serie di privilegi che le permisero di commerciare liberamente in Oriente. L’ alleanza fra la laguna veneta e i normanni provocò una frattura destinata a rinnovarsi con l’adesione di Venezia alla IV Crociata.

Proprio in un periodo tanto rigoglioso germinarono i primi rapporti politico-commerciali fra Fermo, “la Città dell’Aquila”, e Venezia, “la Repubblica del Leone”.

Per Fermo questo rapporto con la Serenissima equivalse ad un’allettante prospettiva di scambio commerciale e conseguente sviluppo economico, per la seconda rappresentarono la possibilità di acquisire quei prodotti agricoli come l’olio, il vino, il grano e gli agrumi di cui il territorio fermano era ricco.

L’incremento di relazioni mercantili fra i due territori favorì anche l’incontro del fulgido patrimonio storico-artistico della Repubblica lagunare con quello del Fermano. Durante il Quattrocento Venezia subì un primo arresto economico, ma continuò a rappresentare un vivace luogo di scambio culturale e soprattutto uno stimolante ambiente artistico in cui i principi basilari dell’arte del Rinascimento vennero riesaminati ed elaborati fino alla maturazione di un movimento piuttosto autonomo.

A Venezia sia la pittura chel’ architettura erano ancora molto legate a canoni bizantini e tardo-gotici, ma il parziale superamento di quei modelli avvenne proprio intorno al XV secolo, periodo cui appartengono stupefacenti testimonianze di ricerca stilistica, volta a cogliere le novità rinascimentali senza tralasciare citazioni tardogotiche.

Il Fermano non poté esimersi dall’influenza veneziana che è ravvisabile in diversi palazzi e chiese, nonché in opere commissionate a eccellenti artisti di scuola veneziana come Jacobello del Fiore, Carlo e Vittore Crivelli, Marco di Paolo Veneziano e Pietro Antonio Solari.

 

banner-gal
italyEnglish