Fermo, Marche, Italia

Montegranaro

Montegranaro

SHARE
, / 796 0

Montegranaro (FM)Cenni storici:

Situato su una morbida collina a soli 14 km dalla costa, Montegranaro gode di uno splendido panorama che spazia dall’Adriatico ai Monti Sibillini, attraverso strade fiancheggiate da querce secolari e caratterizzate dalla dolcezza delle colline, distese di girasoli, uliveti e vigneti.

La tradizione vanta l’origine romana – con il toponimo di Veregra – ma Montegranaro vede la luce per la prima volta in un documento farfense dell’829. Nel secolo XIII è libero Comune, nel 1387 diviene feudo della famiglia veneziana degli Zeno, nel 1443 subisce la dominazione degli Sforza e quindi dello Stato Pontificio, fino alla unificazione d’Italia.

I montegranaresi illustri: Giulioso Conventati (sec. XV), giurista, docente presso l’Ateneo maceratese; San Serafino da Montegranaro (1540- 1604); Domenico Svampa, cardinale e Arcivescovo di Bologna (1851-1907); Giovanni Conti (1882-1957), uomo politico e vice-presidente dell’Assemblea Costituente; Alessandro Cruciani (1841- 1912), musicista e poeta.

Già dalla fine del secolo XVIII, Montegranaro si afferma come centro di produzione calzaturiera ed oggi, centro propulsore del distretto marchigiano, è il polo di eccellenza della produzione nazionale oltre ad essere riconosciuto come uno dei sistemi produttivi più importanti a livello mondiale, grazie alla vocazione alla qualità e all’eleganza, unita a un innato spirito creativo.

Tradizione artigianale e maestranze tra le più qualificate del settore, cura dei dettagli e dei materiali impiegati, attenzione alla “forma” sono elementi che hanno sempre contraddistinto il prodotto “Made in Montegranaro”.

Monumenti, chiese:

I monumenti romanici (la Cripta di Sant’Ugo con lo strepitoso ciclo di affreschi e il Portale del SS. Salvatore), le chiese conventuali di San Francesco e San Serafino e la barocca San Pietro, i palazzi gentilizi Conventati, Ranier Luciani, Cruciani emergono da un tessuto urbano di case addossate l’una all’altra, secondo un nastro sinuoso e suggestivo.

Il Teatro La Perla nel periodo invernale ospita la stagione teatrale di prosa; l’Auditorium Officina delle Arti è sede invece, oltre che di altri appuntamenti teatrali, di un’apprezzata stagione concertistica di altissimo livello organizzata dagli “Amici della Musica di Montegranaro” che vanta la collaborazione del montegranarese Francesco Di Rosa, ruolo di Primo Oboe dell’Orchestra S. Cecilia di Roma e già in organico  presso l’Orchestra Filarmonica della Scala.

VEREGRASTREET FESTIVAL: Vicoli e strade del centro storico, si trasformano in una magica ribalta animata da teatranti, musicisti e giocolieri italiani e stranieri: è il Veregra Street Festival, qualificato e rinomato appuntamento internazionale di teatro di strada, che si svolge ogni ultima settimana di giugno.

Veregra Street non è solo kermesse spettacolare, è anche un’occasione per conoscere il territorio, i prodotti artigianali, le tipicità enogastronomiche locali ed etniche, i beni culturali e ambientali di un territorio accogliente e ricco di unicità. Un festival unico, quindi, per durata temporale, qualità artistica e per il coinvolgimento di una pluralità di soggetti in una rete sempre più dinamica e creativa: grazie al progetto “Open street”, che il Comune di Montegranaro ha gestito nel biennio 2010-2011, Veregra Street ha acquisito infatti una dimensione sempre più internazionale, affermandosi così come uno dei punti di riferimento in Italia e in Europa per l’arte di strada. (www.veregrastreet.it)

SPORT: La peculiarità del tessuto sportivo montegranarese è costituita da un elevatissimo numero di società sportive e di discipline praticate – dal basket al calcio, dalla pallavolo alle sfide sul diamante di softball e baseball, passando per le bocce, il ciclismo e tante altre –  molte delle quali sono diventate nel tempo protagoniste di campionati di altissimo livello, come la Sutor Basket che milita in serie A1 dalla stagione 2006/2007.

PERCORSO NATURALISTICO: Situato nella splendida cornice del Parco Fluviale del Chienti, il laghetto del Torrione è un incantevole luogo, lontano dal traffico della città, dove poter passeggiare, correre o semplicemente fare un pic-nic in famiglia o con gli amici. All’interno dell’area è possibile osservare la flora e la fauna tipica delle zone fluviali.

Altre attrattive da visitare:
– Spacci aziendali
– Parco fluviale (Chienti)
– Paesaggio rurale (case terra cruda)
– Complesso villa Lucani (privata)

Tradizioni locali:
Attività tipiche: produzione calzature
Enogastronomia: pasticcio di maccheroni,”li stringati”

banner-gal
italyEnglish