Fermo, Marche, Italia

Ponzano di Fermo – (territorio GAL fermano)

Ponzano di Fermo – (territorio GAL fermano)

SHARE
, / 747 0

Ponzano di FermoCenni storici:
E’ un piccolo centro arroccato su un colle che conserva intatta la sua fisionomia medioevale. Il Comune comprende tre nuclei urbani: il Capoluogo e le Frazioni di Torchiaro e Capparuccia. Ha una superficie di 14,38 kmq.

Il capoluogo ha una quota di 248 m s.l.m. Reperti archeologici di età romana indicano la presenza di un nucleo urbano sin dal 300 d.C.. Il più antico documento che porta il nome di Ponzano risale al 1059 ed è contenuto nell’atto con cui Longino dona al Vescovo di Fermo un terreno vicino alla Chiesa di San Marco.

Nel VIII sec. si insediano i monaci di Farfa organizzando una curtis e costruendo una chiesa dedicata a S.Maria Mater Domini: nella seconda metà del XVI sec. comincia a chiamarsi anche Chiesa di S.Marco. Nel 1570 Ponzano assapora l’ebbrezza della vera Libertà Comunale quando il Papa Pio V, con Motu Proprio, divide, separa il Castello di Ponzano dalla Giurisdizione della Città di Fermo. L’attuale denominazione di Ponzano di Fermo è stata assunta il 24 agosto 1862.

Monumenti, chiese:
– Chiesa di San Marco (sec. XII). E’ distante circa 500 metri dal centro di Ponzano. Il nome le deriva con fondata probabilità dallo sviluppo della rinomata Fiera di San Marco, concessa da Papa Paolo III nel 1537 che aveva la durata di dieci giorni. Il corpo centrale della facciata è dominato dall’imponente torre quadrangolare del 1400.

La Chiesa è divisa in tre navate separate da colonne e pilastri; il presbiterio leggermente sopraelevato dove è posizionato un antico sarcofago di epoca romana che funge da altare. In fondo alla navata sinistra sono visibili una campana monumentale del 1290 ed un’acquasantiere del 1566 su cui è scolpita una testa di bue.

Sull’altra navata è presente il Fonte di Marmo per l’acqua benedetta risalente al 1584.
Un reperto marmoreo con scritta “Pipini Adriani Papae” ci porta con la memoria alla seconda metà dell’VIII secolo, nel ricordo del Patto di alleanza sancito tra Carlo Magno, suo figlio Pipino ed il Papa. 

– Torrione, con fornici a sesto acuto e con merli di parte ghibellina,  è eretto sull’entrata principale del Castello.
– Chiesa parrocchiale di Santa Maria, costruita nel 1792, è in stile neoclassico e vi si conservano dipinti del 1600 e del 1700. E’ situata ai piedi della rampa che immette nel vecchio incasato del Castello.
– Chiesa dei SS.mi Simone e Giuda (Torchiaro):  risale al 1827 su progetto dell’archietto Alessandro Vassalli.
– Porta d’Ingresso (Torchiaro): risale al XV secolo e consente l’accesso all’incasato dell’antico Castello.
– Fonte Moscogna: è situata a 500 metri dal centro di Ponzano, sulla provinciale n. 180 che conduce alla frazione Capparuccia. Già citata nel catasto nel XVI sec a subito successivamente diverse ristrutturazioni.

banner-gal
italyEnglish